Giornaliste Current Detenute

Current Tv finora è rimasto in un assordante silenzio riguardo la vicenda dell’arresto delle due reporter, la cinese-americana Laura Ling e la coreano-americana Euna Lee, le quali sono state arrestate dai militari della Corea del Nord all’inizio del mese, dopo che le stesse avevano attraversato la frontiera che separa la Cina dalla Corea del Nord.

Le due reporter erano lì con un obiettivo, quello di raccontare il dramma dei rifugiati che giornalmente cercano di sfuggire dalla povertà.
Gli unici resoconti riguardo all’arresto sono emersi solo la settimana scorsa, quando il New York Times ha segnalato la detenzione.

Nei giorni scorsi, la Reuters ha riferito che le due prigioniere sono state trasferite nella capitale Pyongyang, dove sono proseguiti gli interrogatori.
L’agenzia cita una fonte interna al giornale coreano JoongAng Ilbo, la quale riferisce che:

” Una fonte della Corea del Sud ha detto che dopo la cattura, i funzionari di intelligence degli Stati Uniti hanno formalmente chiesto alla Corea del Sud la cooperazione nella raccolta di dati delle due reporter di Current Tv.
Gli Stati Uniti hanno cercato il modo di non negoziare direttamente il rilascio con la Corea del Nord, almeno prima che la notizia arrivasse in mano ai media.
Finora le informazioni raccolte sono veramente poche, ed il tutto è ulteriormente complicato dal fatto che gli Stati Uniti non hanno un formale rapporto diplomatico con la Corea del Nord.”

L’articolo prosegue dicendo che le due reporter hanno attraversato il fiume Tumen, al confine tra Cina e Nord Corea, con l’intento di realizzare un vero scoop giornalistico, insieme ad un cameraman americano e ad una guida cinese, e questi ultimi due sono stati pure arrestati dalle autorità cinesi.
Le due donne potrebbero essere accusate di spionaggio, un crimine che potrebbe tradursi in un minimo di 20 anni di reclusione, ma sembra più probabile che saranno rilasciate come una sorta di gesto di buona volontà da parte della Corea del Nord, almeno secondo le fonti citate sopra.

Due reporter di Current Tv ancora detenute in Corea del Nord

Ti potrebbe anche interessare:

Tagged on:                                                             
  • http://www.bloginternazionale.com tommi

    io non lo trovo ragionevole ma lo rispetto. evidentemente hanno scelto il silenzio assoluto. però secondo me un comunicato almeno ufficiale standard avrebbe evitato voci e commenti che magari non sono proprio utili alla causa di silenzio che gli stessi di current ricercano.

  • http://www.technicoblog.com Giorgio

    Hai ragione, mi sembra ragionevole come atteggiamento. Per quale giornale lavori ?

  • Gianna

    Evidentemente Current non sta rilasciando dichiarazioni proprio per proteggere le due giornaliste. Si sa che in casi gravi come questo è consigliabile non scatenare reazioni dissennate (soprattutto sul sito di Current). Spero che la cosa si risolva presto, sto scrivendo anche io un pezzo per il giornale per cui lavoro.