Il francesse Monnir Biba, alias B-Boy Mounir, 28 anni, si è aggiudicato la finale del Red Bull BC One 2012, la più importante gara al mondo di B-Boying uno contro uno. Più di 3.000 fan acclamanti hanno sfidato il caldo e affollato gli stand della Fundição Progresso, importante centro culturale della città, per non perdersi le performance dei 16 migliori B-Boy provenienti da tutto il mondo, dal Brasile al Giappone.

Lo stadio ha sentito tutta l’influenza della folla e la vibrazione del pavimento ad ogni powermove, footwork e ‘extended freeze’. Il nuovo campione Mounir ha commentato così la sua vittoria: “E’ la terza volta che partecipo a questa competizione. Sono partito alla grande. Ho fatto tutto il viaggio. Ho vinto i cypher, ho vinto i qualifier e sono venuto qui per vincere “.

Questa edizione è stata teatro di alcune delle mosse più impegnative e innovative mai viste fino ad oggi. La notte è stata piena di sorprese: la folla che urlava dagli spalti, l’eroe locale Klesio che ha combinato passi di samba con top rocks, e il B-Boy Junior francese che sembrava passare più tempo in aria che a terra. Non appena il partecipante sudcoreano Differ ha sconfitto il campione in carica degli USA Roxrite al secondo turno, è però apparso chiaro che la partita sarebbe stata ancora tutta da giocare.

Differ è stato il favorito della folla per tutta la notte, dal momento in cui è salito sul palco con un passo di danza Gangnam, fino ai suoi movimenti comici che hanno mostrato un stile più leggero e giocoso, raramente visto nel mondo del B-Boying. Tutto ciò è stato sufficiente per portarlo alla fase finale dopo cinque impegnativi round di scontro contro Mounir, che aveva già gareggiato nella finale mondiale del 2008 e in quella del 2011. “Ci ha sicuramente dimostrato di sentirsi bene con se stesso”, ha detto Neguin, giudice della gara e campione nel 2010, riguardo alla performance di Differ. “E’ questa la cosa principale del B-Boying.”

Ma alla fine è stato Mounir della Vagabond Crew che ha rubato la scena mostrando una completa padronanza dei fondamenti del B-Boy, una perfetta esecuzione, e su tutto un puro talento con una conseguente scioltezza round dopo round. Mounir si è allenato tutto l’anno intensamente per questo momento e la sua dedizione è stata evidente per chiunque lo guardasse. “E’ venuto tutto fuori, ed è per questo che ha vinto”, ha detto Neguin. “Era sicuro di sé stesso e questa è la chiave. Se si è sicuri basta andare sul tappeto e fare del proprio meglio. ”

La serata è stata il culmine di un intero anno di agguerrite competizioni. La metà dei concorrenti di quest’anno ha guadagnato il proprio posto nella competizione partecipando a uno dei 60 cypher nazionali o vincendo una delle sei qualificazioni regionali. La vittoria di Mounir, dal cypher in Francia alla finale mondiale passando per le qualificazioni dell’Europa Occidentale, mostra il vero percorso del campionato mondiale del Red Bull BC One.

Milioni di fan hanno guardato l’evento in diretta TV e centinaia di migliaia di persone lo hanno seguito in streaming sul web. La finale mondiale sarà visibile per tutta la prossima settimana su redbullbcone.com. Il 2013 segna il 10 ° anniversario del Red Bull BC One che sarà più grande ancora, una vera e propria testimonianza della crescita della cultura e della comunità B-Boy in tutto il mondo.

Il francese MOUNIR vince il campionato mondiale del Red Bull BC One 2012

Ti potrebbe anche interessare:

Tagged on: