Il poker online è in fermento. Sembra che gli ultimi dati statistici riportati in merito all’attività online delle maggiori poker room in tutto il mondo mettano in evidenza un evidente calo di interesse da parte degli utenti. Tuttavia, non tutti i mali vengono per nuocere e, a dirla tutta, pare che entro il 2013 vedremo delle grosse novità. Il lato marketing è quello su cui vogliono maggiormente puntare i colossi del settore. PokerStars, ad esempio, sta pensando di acquistare un altro casinò nel New Jersey, ora che la sua ultima promozione è scaduta. L’ultima offerta della poker room, infatti, ha fatto si che nel mese di Novembre ci fosse un grande numero di nuovi utenti iscritti, tuttavia il periodo natalizio non sembra così proficuo.

Non parliamo solo di PokerStars, ma anche di FullTilt che, dopo il boom di iscrizioni e traffico dovuto alla sua apertura, ha iniziato a perdere molto terreno. Meno drastico, invece, il calo di PokerStars, che nonostante tutto continua a rimanere la poker room più utilizzata al mondo. Anche Zynga, a quanto pare, sembra voler cambiare le cose, e lo dimostra la richiesta fatta dall’azienda per operare nel Nevada.

Quali sono i piani per il futuro? Per il momento possiamo solamente fare supposizioni senza averne le certezze, ma come soprascritto è sicuro che il mondo del poker online subirà notevoli cambiamenti. Nel frattempo, non ci resta che aspettare e sperare che le novità che le poker room hanno in serbo per noi non ci deludano. Una cosa è certa: ne vedremo delle belle.

PokerStars: il poker online è in fermento

Ti potrebbe anche interessare:

Tagged on:             
  • Pingback: PokerStars: il poker online è in fermento | Technico Blog | Pocker()

  • Valentino Campana

    Pokerstars è da sempre leader mondiale anche se una volta lo era Partygaming ma dopo le vicende e leggi in USA citca nel 2005/2006 partygaming decise di ritirarsi dal mercato USA. FullTilt era riamsta l’ unica degna concorrente ma la vicenda BlackFriday ne ha sancito la caduta ora è tornata ma solo grazie a PokerStars. In Italia c’è molta confusione il gioco on line è regolato dallo stato tramite aams come skills game mentre il Live fuori dai Casino è illegale, che confusione. Molti giocatori on line quindi non possono giocare in room.com fuori dalla legislazione italiana siamo un pò come i cinesi, e molti rinunciano ad eventi live fuori dall’ Italia perchè ancora non è chiara se in caso di vincita come comportarsi per pagare le tasse. Le spese peò non si detraggono :).